domenica 31 agosto 2014

Ultimo giorno d'agosto

Sofronio Pocarini, L'armonia dell'imbrunire (ante 1930),
in Arte nel Friuli-Venezia Giulia 1900-1950
























1 - n.26 di Emily Dickinson
da Stanze d'alabastro 
SE
Traduzione di Nadia campana

Un tratto d'azzurro-
un guizzo di grigio -
pezze di scarlatto sul cammino:
fanno il cielo della sera.
Poca porpora sfuggita
nella corsa di pantaloni rubini -
un'onda d'oro
un orlo del giorno:
solo questo fa un cielo del mattino.


2 - POZZO di Umberto Fiori
da Poesie 1986 - 2014
Mondadori

Stavo per rimanere
senza di me. Non c'erano più freni.
Non c'era dove, quando,
chi, cosa. Come il getto di petrolio
sale dal pozzo, su tutti stava per piovere
l'innocenza più nera.



----------------------------------------------------------------------

venerdì 29 agosto 2014

Un dono ai lettori del blog











Dal mio  STANZE D'ALBERGO
(Franco Puzzo Editore - 2014)


Trasuda l'agosto eccitato dalla tua abbronzatura
nella città sconosciuta e un po' bizzarra.

S'infiltra l'estate fluida nella stanza d'albergo
tra lo specchio e il cielo, nelle ore più calde.
Trabocca dai morbidi incroci di linee e colori
sul biancore delle pareti.

Nel futuro di ogni giorno si affollano le paure
piccole e ridicole anche in vacanza.
Ma tra i libri e gli altri oggetti pulsa la fiducia.





(N.d.A.: In risposta ai dubbi di alcuni, il primo verso va inteso così:
 Trasuda dalla tua abbronzatura l'agosto eccitato).


----------------------------------------------------

mercoledì 27 agosto 2014

Di verde e di muschio

Magritte: La recherche de l'absolu

























Alcuni Hai-Ku 
di LIDIA BORGHI


Anima
Da Dio proviene
imperitura gioia
a Dio ritorna
. 
Amore
Quel che rimane
di un giorno perfetto
accanto a te
.
Meditazione
Concentrazione
interiorizzazione
Dio è con me
.
Occhi
Mi guardi dentro
Di verde e di muschio
Sono a casa

Voce
Un'armonia
Incanto musicale
Ore liete
.
Vento
Furia celeste
fugace pensiero va
soverchiandomi

Odio
Fuoco che bruci
Porti via il bene
Tutto è buio
.
Laura
Occhi amati
catturi il mio cuore
sensuale preda



Gli sparsi Haiku di questo post provengono in parte dal blog di Lidia Borghi
Diversi suoi Haiku sono stati pubblicati nella rivista Contemporary Literary Horizon
.
.
------------------------------------------------------------------------------------------

venerdì 22 agosto 2014

Tre immagini per un racconto

Una sfida per i lettori del quotidiano IL PICCOLO di Trieste: Un racconto per l'estate firmato Federica Manzon ("La terra vista dall'acqua") e illustrato e ispirato dalle foto dei lettori. 
Su Il Piccolo di domenica 17 agosto scorso è stata pubblicata la quarta puntata del racconto e le tre foto di Giada Passalacqua.
Le immagini devono inventare situazioni inerenti al racconto e che lo portino a uno sviluppo plausibile. Le foto le sceglie Federica Manzon. I vincitori ricevono in regalo dei libri che si possono ritirare subito presso la sede del quotidiano.
Mi racconta Giada Passalacqua a proposito delle sue foto pubblicate: 

Giada Passalacqua: "Adrenalina"



"... forse un Davide che trascina a riva il Golia, o ancora, immaginando scambi di battute fra i marinai; “Ocio, spostite - Sempio, spostite; - Vira! - No te me ciapi! - Son prima mi.- risate, forse nervose, forse di gola e gongolanti..."

Traduzione: ocio, attento (in questo caso); sempio, cretino; no te me ciapi, non mi prendi.




Giada Passalacqua: "Ampie possibilità"





"...Le sedie, in circolo, smaglianti nella luce che segue un acquazzone improvviso che ha reso l'aria tersa e luminosa e già un cameriere ha pulito i tavoli dai residui delle gocce, un vuoto che si contrappone al pieno..."
Giada Passalacqua: "Sguardi sull'infinito. Perplessi"






"...La suggestione del dipinto di Caspar Friedrich Viandante sul mare di nebbia,  la lontananza delle montagne innevate, il blocco a rimanere su di una riva e non poter abbandonare la città; le figure contornate come un disegno da poter animare e produrre un film, lo scarto fra le giacche, una scura l'altra rossa: il senso di solitudine o di noia nell'attesa di un/una che tarda..."






----------------------------------------------------------------------------------------------