giovedì 30 settembre 2010

Efficienti per essere efficaci

.
Aspettando l'ora di un appuntamento mi sono intrattenuta in una bettola, sfogliando Il Piccolo, e ho trovato a pag. 27, "La Psicologa", Maddalena Berlino, che mi ha confermato cose che già mi erano chiare e in più mi ha suggerito una lettura che farò volentieri (esiste anche la versione cinematografica, mi dicono). Questa faccenda del tempo sembra una banalità ma purtroppo non lo è. Soprattutto quando di tempo ne è già passato parecchio e il probabile futuro, tecnicamente, si accorcia.
..
---
.
IL TEMPO E' UNO STRUMENTO DA GESTIRE, NON DA TEMERE
.
Il tempo è una risorsa preziosa che scandisce la nostra vita. Tutti sperimentiamo che "il tempo vola", cioè lo percepiamo rapido, a volte "non finisce mai", cioè scorre lentamente.
"Che cos'è dunque il tempo? Se nessuno me lo chiede, lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede, non lo so più" diceva Sant'Agostino nelle Confessioni. "Il tempo è tiranno" è un altro modo di dire quando ci sentiamo costretti a fare i conti con la sua insufficienza...
Abbiamo spesso poco tempo o piuttosto ce lo facciamo sfuggire?
In questa civiltà sempre più frenetica, saper gestire il nostro tempo risulta difficile ma indispensabile per poter fare tutto ciò che desideriamo; è necessario imparare a impiegarlo nel migliore dei modi attribuendogli il giusto valore. Non solo, gestire meglio il tempo significa anche dare più valore alla nostra vita: quante volte infatti per "mancanza di tempo" penalizziamo i contatti umani e gli hobby, rinunciando a vivere alcuni aspetti importanti dell'esistenza? Una bellissima espressione del tempo ce la fornisce Lauren (personaggio in "Se solo fosse vero" di Marc Levy) rivolgendosi al suo innamorato:
"Se vuoi capire che cosa è un anno di vita, chiedilo a uno studente che è appena stato bocciato all'esame di fine anno. Un mese di vita: parlane con una madre che ha partorito un bimbo prematuro e aspetta che esca dall'incubatrice per stringerlo tra le braccia, sano e salvo. Una settimana: chiedilo ad un uomo che lavora in fabbrica o in miniera per nutrire la sua famiglia. Un giorno: domandalo a due innamorati persi che aspettano di vedersi. Un'ora: chiedilo a una persona che soffre di claustrofobia, bloccata in un ascensore. Un secondo: osserva l'espressione di un uomo che è appena scampato a un incidente d'auto. Un millesimo di secondo: chiedilo all'atleta che alle Olimpiadi ha vinto la medaglia d'argento e non quella d'oro per la quale si era allenato tutta la vita. La vita è magica, Arthur, lo dico con cognizione di causa, perché dal giorno dell'incidente mi gusto il valore di ogni istante. Perciò, ti prego, approfittiamo di ogni secondo che ci resta".
Diventa utile trovare strategie per non farci dominare dal tempo e amministrare al meglio questa preziosa risorsa. Alcuni semplici accorgimenti possono rappresentare una guida. Definire le priorità: "quali sono le tre cose più importanti da fare adesso?". Abbandonare gli alibi: "non ho tempo", se una cosa è importante lo si trova. Gestire il tempo e non essere gestiti dal tempo: pianifichiamo gli impegni fissando date precise.
Questo ci aiuta a fissare gli obiettivi e non rimandare. Essere efficienti per essere più efficaci: cerchiamo di affrontare le nostre attività nel migliore dei modi anche per ridurre il rischio di doverle rifare. Gestire bene le informazioni, senza accumularle in maniera disordinata. Usare gli strumenti per le loro caratteristiche e finalità: per esempio usare nel modo più appropriato i mezzi di comunicazione (telefono, e-mail, sms,...); le attività che richiedono molto tempo svolgiamole nel totale "isolamento", quando la nostra concentrazione può essere massima, resistendo ad ogni distrazione.
.
Il Piccolo 29.9.2010
.
-------------------------------------------------

mercoledì 22 settembre 2010

Un sorso d'acqua

.
Haiku apocrifi
Apocryphal haiku
di Toni Piccini
.
Traduzione italiano-inglese
di Denise Deeney
.
Prefazioni di Fernanda Pivano e Ban'ya Natsuishi
Albalibri Editore - 2007

.

.
..........Una matita
da nomade stanziale -
.......sillabe scalze

.
The pencil
of a stationary nomad -
barefoot syllables
.
---
.
.......In una lite
stanno urlando tutti

....senza parole
.
During a quarrel
everyone shouts
without words
.
---
.
....Pochi secondi
la contemporaneità -

...un sorso d'acqua
.
Few seconds
the contemporaneity -
a sip of water
.
---
.
...Senza spezzarsi
l'onda urta la roccia.
..
.Vento di Trieste
..
Without breaking
the wawe knocks against the rock.
Wind of Trieste
.
---
.
Tu, io, sciocchezze
..a tenerci lontano
....dal temuto noi
.
.
You, me, stupid things
keep us far
from the feared "us"
.
---
.
.....Il tuo respiro
libera la mia stanza
.da ogni suo vuoto

.
Your breath
frees my rooms
from it emptiness
.
---
.
...Tutta immersa
in attento piacere.
..Gli occhi chiusi

.
Totally captured
by careful pleasure.
Closed eyes
.
---
.
......Invisibili
fili verso il cielo.
.Sale il ragnetto

.
Invisible yarns
towards the sky.
A litthe spider goes up
.
---
.
....Ciabatte nuove
rovesciate distratte -
.......aria di casa

.
New slippers
careless overturned -
home
.
---
.
....Dentro gli occhi
la linea per l'orizzonte
.......in un silenzio
.
.
In the eyes
the horizon
in silence
..
.

.------------------------------------------------------------------

domenica 19 settembre 2010

Se piace

.
Dal Canzoniere
di Umberto Saba (1900-1954)
.

TRIESTE
.
Ho attraversata tutta la città.
Poi ho salito un'erta,
popolosa in principio, in là deserta,
chiusa da un muricciolo:
un cantuccio in cui solo
siedo; e mi pare che dove esso termina
termini la città.
.
Trieste ha una scontrosa
grazia. Se piace,
è come un ragazzaccio aspro e vorace,
con gli occhi azzurri e mani troppo grandi
per regalare un fiore;
come un amore
con gelosia.
Da quest'erta ogni chiesa, ogni sua via
scopro, se mena all'ingombrata spiaggia,
o alla collina cui, sulla sassosa
cima, una casa, l'ultima, s'aggrappa.
Intorno
circola ad ogni cosa
un'aria strana, un'aria tormentosa,
l'aria natia.
.
La mia città che in ogni parte è viva,
ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita
pensosa e schiva.
.

.
Da"Trieste e una donna" (1910-1912)

.
----------------------------------------------------------------------------

venerdì 10 settembre 2010

Dopo molte epoche

.
Da Stanze di alabastro
di Emily Dickinson
Traduzione di Nadia Campana
SE - 2003

---------------
.
n. 66.
.
Sbagliando conservavo
conchiglie di costa -
accadde dopo molto epoche
di trattenere una perla -
.
- perché così tardi? - mormorai -
- ho bisogno di te.
E per questo il mio periodo -
rispose la perla -
comincia ora
.

.
*

.
Shells from the Coast mistaking -
I cherished them for All -
Happening in After Ages
To entertain a Pearl -
.
Wherefore so late - I murmured -
My need of Thee - be done -
Therefore - the Pearl responded -
My Period begin



.
---------------------------------------------